Faccio After: un ebook per diventare come David Guetta

Oggi parliamo di “Faccio After“, un ebook benefico, il cui ricavato verrà diviso dal 1 Giugno, tra DJ e artisti dell’intrattenimento italiano, un settore in assoluta difficoltà, visto che i locali sono chiusi da mesi e non si sa quando e come potranno riaprire.

Si tratta di un “manuale completo”, dalla A alla Z, per diventare un “David Guetta”, la star dell’universo musicale dance pop contemporaneo. Siccome però un Guetta c’è già, l’eBook dà tanti spunti, idee e pillole per lavorare divertendosi nell’intrattenimento… Perché far tardi con il sorriso sulle labbra lavorando non è mica da tutti. Chi sogna di farlo adesso, adesso che non è possibile, qualche idea, sia pur vaga, se la merita.

E il sogno può diventare realtà. Se Garrix, Sven Vath e Guetta sono unici, l’intrattenimento ha bisogno di bravi dj resident, vocalist, superstar del mixer, lucisti, vj, ballerini, videomaker, organizzatori, gestori, PR, uffici stampa, blogger.

Le dichiarazioni

Si legge dall’autore Lorenzo Tiezzi: “Il tono dell’ebook è a volte scherzoso, perché delle cose davvero importanti quasi mai si parla con la dovuta leggerezza. La musica da ballo moderna, splendida definizione di Ralf, non è mica una cosa seria… E’ però una cosa bellissima che ci riempie la vita. E in discoteca nascono gli amori e le amicizie che durano una vita“.

Dai pensieri di Claudio Coccoluto e Saturnino, passando per le dritte Willy Marano (personal assistant di Vasco Rossi e manager degli Eiffel 65) e quelle del dj manager Alberto Gobbi e del top dj Cristian Marchi, una delle coppie meglio assortite del panorama italiano, da Giordano Vecchi (Bolgia) a Fabio Facchini (Villa Bonin), fino alle esperienze di chi ha creato un party di successo assoluto come Vida Loca, “Faccio After” racconta moltissimi dei protagonisti dell’entertainment italiano… e non solo, visto che c’è spazio pure per Karl Bartos (Kraftwerk), Gianluca Vacchi, elrow, festival, show girl, party, locali (etc).

Scherzando potrei dire che chi non c’è in questo dizionario’dell’intrattenimento vuol dire che non conta”, spiega Lorenzo Tiezzi. “Invece non è affatto così. E’ un settore quasi sempre dimenticato, ma pieno di artisti di qualità e professionisti che potrebbero emergere anche di cose più serie. Ci sono però anche problemi, soprattutto creativi. Tra il serio e il faceto, fornisco anche soluzioni“.

Faccio After è dedicato a chi già lavora e ha bisogno di fare un po’ di re-branding (una parolaccia che vuol dire riposizionarsi un po’ e ripensare al proprio lavoro) e ai tanti ragazzi, che nonostante oggi sia tutto fermo a tempo indeterminato non riescono a non sognare di lavorare con musica e divertimento.

Si tratta di un ebook da leggere, non una community, un corso online o un metodo immediato per raggiungere il successo. “Ho avuto la fortuna di lavorare con top dj come Tiesto e Claude Challe (Buddha Bar), ho intervistato più volte star del mixer come Sven Vath e Bob Sinclar. Prima di lavorare nell’intrattenimento, ho pure fatto il direttore di palco per Salvatore Accardo e Carlo Maria Giulini. Prima ancora, mi sono laureato in Musica al Dams di Bologna, dove ho portato il caffè più volte a Umberto Eco”, spiega Lorenzo Tiezzi. “Tutte queste persone hanno in comune una sola cosa: sono incredibilmente preparate e chi lo è di solito non legge molto. Legge moltissimo“.